La Casa giapponese ha svelato il prezzo di lancio del Tricity, il nuovo modello a tre ruote che sarà disponibile in 4 colori: bianco, rosso, grigio e nero. Leggerissimo (il peso è di soli 152 kg in ordine di marcia), si puà guidare con la patente B (quella dell’auto).

Il nuovo Tricity monta il monocilindrico da 125 cc a 4 tempi raffreddato a liquido, progettato per offrire accelerazioni pronte già ai regimi più bassi, e nello stesso tempo un’erogazione progressiva a regimi elevati. La potenza è trasmessa alla ruota posteriore attraverso un’efficace trasmissione automatica CVT (con variatore).

Il sistema LMW, Leaning Multi Wheel (multi ruota in grado di piegare) adotta un meccanismo brevettato che è stato progettato per creare una sensazione di grande stabilità, e per offrire da subito una grande facilità di guida. Posizionata dietro il frontale, una sospensione a parallelogramma concede al pilota la possibilità di guidare il Tricity come un tradizionale scooter a 2 ruote, ma con una sensazione di stabilità maggiore.

I componenti del parallelogramma sono collegati alle forcelle ed al cannotto di sterzo, e quando il pilota di Tricity entra in curva il sistema permette alle due ruote anteriori di “piegarsi” in parallelo per assicurare una percorrenza di curva facile e istintiva.

Un altro elemento fondamentale della sospensione a parallelogramma LMW Yamaha è l’utilizzo di una speciale forcella teleidraulica cantilever di tipo “tandem” con due steli separati per ogni ruota. Gli steli anteriori fungono da guida, mentre quelli posteriori hanno una funzione ammortizzante che provvede all’assorbimento delle oscillazioni con un’escursione di 90 mm. Le sospensioni su ognuna delle due ruote anteriori agiscono in modo indipendente, per garantire comfort e stabilità anche sulle strade sconnesse, o quando le condizioni del fondo sono variabili.

Comodo, infine, il sottosella: vi si può stivare un casco integrale.