Il fattore nostalgia, secondo me a ragion veduta, è un aspetto sempre più presente nelle motivazioni di acquisto di un oggetto, tanto più se questo oggetto è un veicolo, che oltre a svolgere bene il proprio compito, deve trasmettere emozioni. Molte Case si sono cimentate nello svolgimento del tema, e certamente Yamaha lo ha sempre svolto in modo egregio, centrando sia la forma che la sostanza.

L’arrivo sul mercato delle XV950 ed XV950R sposta ancor più in alto l’asticella della sfida fra le cosiddette “sport classics”; questi nuovi modelli coniugano in modo mirabile una linea che richiama direttamente al passato pur senza essere un esercizio stucchevole, con un pacchetto tecnico e tecnologico degno delle migliori creazioni di alle quali ci hanno ben abituato gli “Iwata-san”.

Al fine di garantire una guida coerente con lo styling, è stato adottato un propulsore bicilindrico raffreddato ad aria di 942cc, quattro valvole per cilindro, capace di erogare una robusta coppia di 80 Newtonmetri a 3.000 giri/minuto, che consente una guida in souplesse godendosi la rotondità di funzionamento, senza per questo rinunciare ad una spinta corposa. Il tutto è reso più fluido da un nuovo parastrappi in gomma integrato nella frizione, da un rinnovato sistema di aspirazione/filtro aria, più compatto rispetto alle dimensioni abituali ma ugualmente efficiente e da una mappatura della centralina apposita. Non solo, Yamaha ha lavorato anche sull’impianto di scarico, che secondo il progetto esalta la pienezza di coppia ai regimi medio-bassi.A livello di ciclistica spicca il telaio a doppia culla in acciaio con struttura monoblocco; lo stesso motore è parte integrante del telaio stesso, per mezzo di un collegamento rigido; ulteriori elementi qualificanti sono la forcella con steli da 41 mm,  il doppio ammortizzatore posteriore, e la possibilità  di regolazione in precarico. ABS in opzione.

In ultimo un accenno al look, che non è fattore secondario per il tipo di moto; sulle XV troviamo cerchi in lega a 12 razze, abbondante metallo a vista, fari tondi, con i posteriori illuminati a led, serbatoio a goccia e tachimetro circolare con tecnologia LCD. Sono imoltre previsti accessori “Genuine”, quali scarico Akrapovic, sella a stiletto, condotti freni in acciaio, ruote a raggi e sella dotata di molle.

photo credit: Adrià Pascual via photopin cc