PES1, Passion Electric Street. Prima di dire che le parole “passione” ed “elettrico” non possano coabitare nella stessa frase, aspettate di sapere cosa si nasconde dietro questo ambizioso progetto di Yamaha volto alla sportività eco-sostenibile, presente al Tokyo Motorshow.

I numeri di questa PES1 parlano chiaro, solamente 100 chili di peso, circa 30 CV di potenza, ma quello che più impressiona, anche se normale patrimonio dei motori elettrici, coppia motrice disponibile subito da 1 giro al minuto!

Il cuore del sistema è un propulsore di tipo brushless, che per estrema semplificazione consiste nell’ottenimento dell’inversione di corrente mediante gestione elettronica, quindi non più attraverso spazzole striscianti; in concreto l’eliminazione di dispositivi fisici determina una minor usura delle componenti del motore ed un annullamento del rischio di incendio per propagazione impropria di scintille.

Le batterie sono agli ioni di litio, leggerissime e veloci da smontare in caso di necessità e la trasmissione è, naturalmente, automatica; ciò che risulta meno usuale è la facoltà di utilizzo in modalità manuale, verosimilmente “virtuale” al pari di quanto avviene con i cambi a variazione continua CVT con funzione sequanziale.

Al momento si tratta di uno studio, di conseguenza non è dato a sapersi a quale stadio del percorso commerciale Yamaha sia arrivata.