Ci sono gare che, senza eventi particolari che stravolgono i pronostici, riescono comunque a riservare sorprese, belle sorprese, come nel caso di oggi in Superbike – Gara2 a Laguna Seca.

Tutti attendono il solito duello iridato Sykes – Guintoli ed invece nè l’inglese nè il francese hanno lasciato il segno, classificandosi rispettivamente al quarto e al quinto posto; il primo a tagliare il traguardo è stato il sempre efficacissimo Eugene Laverty, che poche volte sale sul gradino più alto del podio, ma che con la sua costanza oggi riesce ad operare il sorpasso al secondo posto in classifica generale su Guintoli, ormai in evidente e conclamata difficoltà.

Se Laverty costituisce una sorpresa, ancor di più lo è Davide Giugliano, che con una prestazione da primo della classe conclude la gara al secondo posto, facendosi apprezzare per la pulizia della guida e per la spietatezza nei sorpassi; per il tricolore italiano è una giornata di tutto rispetto, anche grazie a Marco Melandri, che in sella alla sua BMW conquista il terzo posto.

Nella classifica iridata, Sylvain Guintoli da un’ulteriore mano a Tom Sykes verso la conquista del titolo, con l’inglese a quota 361 punti; come già riferito adesso è Laverty il diretto inseguitore di Sykes, con Guintoli in terza posizione, mentre Marco Melandri conferma la quarta piazza, ma non si può escludere che visto il trend dell’ultimo periodo, non possa fare un pensiero stupendo scalzando Guintoli dal podio virtuale.

photo credit: adriaan4 via photopin cc