La Gara1 di Superbike a Laguna Seca sarà certamente ricordata come una delle più tormentate della storia di questa categoria; non stiamo fortunatamente parlando di eventi funesti, quanto piuttosto di dinamiche di gara che hanno portato a due bandiere rosse, e di conseguenza a tre partenze per i piloti.

Ad ogni modo Tom Sykes ringrazia, Sylvain Guintoli decisamente meno…

Gli episodi che hanno provocato questa situazione incredibile sono state due cadute, una da parte di Danny Eslick, e una da parte del fratello di Nicky Hayden, Roger. Dopo le prime due partenze sembrava fatta per il francese Guintoli, rimasto sempre al comando, invece dopo l’ultima ripartenza è venuto fuori alla grande Tom Sykes, che si è impossessato della prima posizione fino alla bandiera a scacchi. Al contrario Guintoli ha sofferto molto la situazione, non solo non riuscendo a tenere a freno il contendente al titolo mondiale, ma addirittura scivolando al quinto posto!

Proprio nell’ultima frazione sembrava che dovessero spuntarla i due piloti BMW, Davies e Melandri, avvantaggiati proprio da un contatto fra Sykes e Guintoli, ed invece la tenacia e la classe del pilota inglese hanno prevalso; Davies è comunque riuscito a concludere Gara1 al secondo posto, mentre Melandri è stato superato anche da Eugene Laverty, terminando in quarta piazza.

Come da tradizione negli ultimi tempi, anche a Laguna Seca non sono mancate le cadute; oltre a Eslick ed Hayden, sono finiti al tappeto anche Leon Haslam e Niccolò Canepa, fortunatamente senza conseguenze, se non il ritiro.

Con il risultato di Gara1, Tom Sykes sembra volare verso la conquista del Titolo, con Sylvain Guintoli staccato di ventidue lunghezze, dopo aver condotto per gran parte della stagione.

photo credit: JaredEarle via photopin cc