Dopo sette anni di onorata carriera e 150mila unità vendute (oltre 70mila in Francia), l’Mp3 di Piaggio iniziava a mostrare i segni del passare del tempo e necessitava di un restyling. La Casa di Pontedera non si è limitata a un ritocco estetico ma è intervenuta in modo massiccio sul suo tre ruote, alzando ulteriormente l’asticella della sicurezza e delle prestazioni ottenute da un tre ruote.

Il nuovo Mp3 500 è disponibile in due versioni – Sport e Business, che differiscono per finiture e colori – rispettivamente a 8.990 e 9.090 euro, cui consigliamo di aggiungere l’Abs-Asr, optional offerto a 600 euro. E’ importante ricordare che l’Mp3 500 continua a essere guidabile con la patente B, grazie alla carreggiata allargata e al pedale del freno. E in estate arriverà anche la nuova versione 300 dell’Mp3 che subirà lo stesso upgrade del 500.
PIU’ SICURO. Il nuovo Mp3 500 è il primo tre ruote a montare l’Abs insieme con il controllo di trazione ASR (Acceleration Slip Regulation), che evita che la ruota posteriore slitti su fondi viscidi ed è disinseribile. L’Abs, sviluppato specificamente per l’Mp3, adotta una centralina Continental a tre canali che consente di gestire singolarmente il comportamento delle tre ruote modulando soltanto la forza frenante della ruota (o delle ruote) che perde aderenza. E poi ci sono i dischi anteriori più grandi (passati da 240 a 258 mm) e i cerchi anteriori di maggiore diametro (da 12 a 13 pollici, dietro è da 14). Sul pavè parigino, l’impianto frenante dell’Mp3 si è dimostrato potente, anche se bisogna strizzare con forza le leve e pestare a fondo sul pedale per sfruttarne a fondo la potenza. Sempre in tema di sicurezza, ma passiva, va segnalata l’adozione dei fari a led anteriori (luci di posizione) e posteriori.
PIU’ COMODO. La sella si è allungata del 25% e ora offre spazio in abbondanza a pilota e passeggero che ottiene anche due solide pedane estraibili. La posizione del pilota è meno rannicchiata rispetto al precedente con più spazio per gambe e piedi, anche se resta l’ingombro del pedale, necessario per l’omologazione ma poco utilizzato su strada; il nuovo manubrio offre una posizione rilassata alle braccia. Nel sottosella entrano due caschi integrali o una valigetta portapc; ci sono la luce e una presa da 12V che si aggiunge a quella nel vano sopra la strumentazione (ora chiuso da un coperchio).
DIVERTENTE DA GUIDARE. Bisogna provare l’Mp3 per capire quanta libertà offra l’anteriore con le ruote indipendenti e basculanti: offrono una tenuta di strada e consentono una guida brillante, con il blocco della sospensione che “congela” lo scooter sulle tre ruote, al semaforo o in parcheggio (c’è anche il cavalletto centrale: per issare l’Mp3 basta una leggera pressione sulla leva). Sorprende l’agilità con cui si passa da una piega all’altra. Il telaio è stato irrigidito del 35%. E il mono da 40,1 cv èè stato rivisto: ora adotta un sistema di acceleratore elettronico “Ride-by-Wire” multimappa (sono due: Eco e standard) che migliora l’erogazione, lasciando al pilota la possibilità di scegliere tra prestazioni e contenimento dei consumi. Su strada, l’aspetto che più colpisce è che, pur restando pronta al comando del gas, l’erogazione è diventata più dolce e lineare; non c’è la spinta potente (amata dai più esperti ma disarmante per i neofiti), ma una robusta progressione. Assenti le vibrazioni, nell’apri e chiudi del traffico, l’Mp3 è sempre reattivo senza però mai strappare, con partenze più fluide rispetto alla versione precedente. Infine la nuova taratura del cambio CVT contribuisce alla riduzione dei consumi: Piaggio dichiara 25 km/l nell’uso misto.
I PREZZI. Riassumiamo i prezzi, non proprio popolari:
Piaggio Mp3 500 Sport: 8.890 euro
Piaggio Mp3 500 Business: 9.090 euro
Piaggio Mp3 500 Sport ABS+ASR: 9.590 euro
Piaggio Mp3 500 Business ABS+ASR: 9.690 euro