GT, ossia GranTurismo, una sigla riconosciuta in tutto il mondo, sinonimo di alte prestazioni, ricchi equipaggiamenti, qualità di guida ed immagine affascinante…una sigla impegnativa quindi, sotto ogni punto di vista.

Con queste credenziali Peugeot da qualche giorno ha introdotto proprio le due magiche letterine su uno dei propri scooter di punta, il Geopolis 300. Coerentemente con l’attribuzione dell’appellativo GT, la casa di Sochaux ha provveduto ad implementare il pacchetto tecnico e di dotazioni presente sul Geopolis “base”.

Le novità salienti sono l’introduzione del doppio freno a disco anteriore, per migliorare spazi e resistenza alla fatica, del doppio parabrezza per una migliore protezione degli occupanti (a scelta del conducente un parabrezza alto dotato di paramani integrato oppure uno basso di color fumè),  da una nuova sella dotata schienalino per il conducente integrato, ridisegnata per avere una minore altezza della seduta passeggero e con nuove finiture (a scelta bordeaux o nera).

Da menzionare, anche se totalmente ininfluenti per le qualità stradali del nuovo Geopolis GT, la nuova gamma colori che comprende tinte modaiole, quali ad esempio quelle perlate (bianco e nero), oltre alle decals GT per identificare questo allestimento dalle versioni base.

Giova fare un cenno ai tratti distintivi del Geopolis 300 per inquadrare meglio anche questo nuovo allestimento. A livello meccanico esso monta un 278,3 cc ad iniezione elettronica in linea con le normative anti-inquinamento Euro3, mentre a livello di equipaggiamenti di serie prevede già computer di bordo, poggiapiedi richiudibili per il passeggero, vano sottosella capiente, presa 12V nello scudo anteriore, bauletto portapacchi e antifurto immobilizer.

Il nuovo Geopolis 300 GT viene proposto ad un prezzo di listino di € 4.630,00 , ma è prevista un’azione commerciale di lancio, che permette di entrarne in possesso ad un prezzo di € 3.940,00, oltretutto con la presenza estremamente qualificante di 4 anni di garanzia e 2 di assistenza stradale inclusi.

photo credit: lamazone via photopin cc