La famiglia YZF di Yamaha, chiamata confidenzialmente “R” dagli appassionati, si rinnova con l’avvento del 2014, e lo fa partendo dalla piccola di casa, ovvero la YZF-R125, leader di mercato nella categoria di appartenenza.

Il rinnovamento si percepisce subito in fatto di design, che prende maggiormente spunto dalle sorelle di cilindrata maggiore della serie R, a cominciare dalla linea del cupolino, mutuato dalla R6, dalla presa d’aria più aggressiva ricavata tra i due fari, dal parafango anteriore in carbon look e dal nuovo gruppo ottico posteriore con portatarga accorciato.

Meccanicamente la novità di maggior impatto è l’iniezione elettronica, rivista per ottimizzare i consumi, ridotti dell’11% rispetto l’attuale versione, pur senza incidere sulle prestazioni e sull’incisività d’azione.

A livello di telaistica, al pari della R1 e della R6, è stata adottata una forcella a steli rovesciati da 41mm, che ha il molteplice effetto di aumentare la rigidità, assicurare una stabilità superiore e migliorare il feedback della ruota anteriore; ciò grazie anche alla riprogettazione delle piastre di sterzo, che assicurano una risposta ottimale ai comandi impartiti dal pilota e al nuovo disegno dei leveraggi della sospensione posteriore, che migliorano sia il comfort del pilota che del passeggero.

Nuovo anche l’impianto frenante anteriore, con freno a disco anteriore flottante da 292mm e pinza radiale, per una frenata potente ed immediata.

Passando agli ausili per il rider, la strumentazione è stata completamente ridisegnata e dotata di un display LCD retroilluminato, completo di tachimetro digitale, contagiri a barre, temperatura motore, indicatore carburante, orologio e computer di bordo multifunzione che indica dati quali velocità massima, velocità media, autonomia di viaggio e consumo di carburante. 

La nuova YZF-R125, disponibile a partire da fine aprile, si potrà ordinare nei colori Matt Grey, Anodized Red e Race Blu, ad un prezzo, franco concessionario, di € 4.490,00.