Non ancora terminato il Campionato MotoGP 2013, è stato come di consueto già diramato, da parte della FIM, il calendario degli appuntamenti per il 2014, e non sono mancate le novità di rilievo, che probabilmente solleveranno qualche critica da parte del pubblico.

Le gare previste per la prossima MotoGP saranno complessivamente diciannove, con inizio il 23 marzo in Qatar sulla pista di Doha, dove come da pur breve tradizione, per esigenze televisive e di spettacolo, si correrà in notturna, per terminare il 9 novembre in Spagna sul tracciato di Valencia.

Nel mezzo, come detto, si assisterà ad un avvicendamento di piste, peraltro tutto in continente americano, dove fanno il loro esordio assoluto il tracciato argentino di Rio Hondo e quello brasiliano della capitale Brasilia; a farne le spese una delle prove più amate e seguite dal pubblico di tutto il mondo, ovvero Laguna Seca con il suo leggendario “cavatappi”, teatro di sorpassi che hanno fatto la storia stessa della MotoGP. Restiamo in attesa di capire il di questa esclusione, anche se probabilmente tutto si riduce ad una questione di soldi; forse si sarebbe potuto rinunciare ad uno dei ben quattro appuntamenti in Spagna, davvero tanti, ma la scelta non spetta al sottoscritto. Un punto non è ancora del tutto chiaro, e riguarda Brasilia, dove i lavori di ristrutturazione del motorway sono in corso d’opera, e bisognerà vedere se saranno ultimati per tempo, con tanto del rilascio della necessaria agibilità.

Sono quindi salve, anche per il prossimo anno, le kermesse italiane di Misano e Mugello, che immancabilmente sono oggetto di voci su possibili rimpiazzi.

Il calendario completo sarà pertanto il seguente: 23 marzo Qatar, 13 aprile GP of The Americas ad Austin, 27 aprile GP Argentina a Rio Hondo, 4 maggio in Spagna a Jerez, 18 maggio in Francia a Le Mans, 1 Giugno il nostro GP d’Italia al Mugello, 15 giugno ancora in Spagna per il GP de Catalunya a Barcellon), 28 giugno in Olanda ad Assen dove di consueto si corre di sabato e dove Valentino Rossi regala sempre spettacolo, 13 luglio in Germania al Sachsenring, 10 agosto di nuovo negli USA ad Indianapolis, 17 agosto in Repubblica Ceca a Brno, 31 agosto in Inghilterra a Silverstone, 14 settembre ancora in Italia per l’attesissimo gran premio di San Marino a Misano Adriatico, 21 settembre terzo appuntamento in Spagna ad Aragon, 28 settembre nel già citato impianto di Brasilia, 12 ottobre seconda tappa in Asia con il GP  di Sepang, 19 ottobre in Giappone a Motegi, 26 ottobre in Australia a Phillip Island e chiusura il 9 novembre ancora in Spagna a Valencia.

photo credit: matteoartizzu via photopin cc