E’ diventata come la messa, come il campionato di calcio, come l’arrosto con le patate a pranzo…la vittoria di Marc Marquez in MotoGP è diventata una costante della domenica. Come avrete intuito, anche nel gran premio della Repubblica Ceca a Brno, il “Cabroncito” ha conquistato il gradino più alto del podio. Il che significa quarta vittoria consecutiva nella stagione d’esordio.

Si può vincere in modo “banale”, se così si può dire, partendo al palo e stando sempre davanti, magari con distacchi rimarchevoli, invece il baby catalano non si smentisce, regalando un matto divertimento agli spettatori.

Come al solito Marquez parte così cosà, non male ma nemmeno benissimo, permettendo a Jorge Lorenzo di condurre le danze per buona parte della gara, dopodichè si scatena e per i concorrenti cala il buio. A sette tornate dalla fine della gara Marc sorpassa Jorge e scava un solco irrecuperabile con giri forsennati; a sua volta Lorenzo viene passato anche da Pedrosa, ma anche per quest’ultimo nulla da fare, il compagno di squadra viaggia su un altro pianeta.

Anche la gara di Valentino Rossi rispecchia in buona parte l’andamento dell’ultimo periodo, con qualifiche poco incisive e passo gara decisamente più convincente, tanto che per la seconda volta consecutiva arriva con successo il recupero fino al quarto posto finale, a seguito di un duello serrato con Alvaro Bautista. A seguire uno Stefan Bradl in rimonta, dopo qualifiche sottotono.

Giornata nel limite del possibile più serena in casa Ducati, dove i due alfieri di Borgo Panigale, Dovizioso e Hayden chiudono settimo e ottavo; motivi di soddisfazione sono il miglioramento in classifica, invece del solito duetto nono – decimo, ed il fatto che non abbiano deciso di giocare a domino abbattendosi a vicenda.

Decisamente meno sorridente Cal Crutchlow, che cade rovinando una qualifica capolavoro.

In tema di classifica iridata, Marquez amplifica la prima posizione con 213 punti, segue Pedrosa a 26 lunghezze, terzo Lorenzo a 169 punti, mentre Rossi avanza raggiungendo quota 143.

photo credit: T.Tanabe via photopin cc