Gara ricchissima di emozioni in MotoGP sulla pista di Aragon!

Allo scattare del verde pare di vedere un film già visto in più di una circostanza, con Jorge Lorenzo che scatta come un fulmine, appropriandosi della prima posizione e mettendo in atto quella che si è più volte dimostrata una strategia vincente, ovvero fuggire con gomme fresche per poi amministrare il vantaggio conseguito. Per alcuni giri tutto sembra andare come da copione, poi il duo Honda composto da Marquez e Pedrosa inizia un recupero perentorio, che li porterà a ridosso del portabandiera Yamaha.

Quando sembra che il recupero sia completato, ecco il colpo di scena: nella stesso momento Marquez tenta l’attacco al compagno di squadra, finendo lungo (ma senza conseguenze per il prosieguo della gara), mentre lo stesso Pedrosa incappa in un high side che lo disarciona dalla propria Honda. Quella che inizialmente pareva essere una sfortunatissima coincidenza, ha poi avuto una spiegazione tecnica ben precisa: c’è stato un impercettibile contatto fra i due compagni di squadra, che ha determinato la tranciatura del cavetto di un sensore del Traction Control di Pedrosa, il quale andando poi a riaccelerare in uscita di curva si è trovato a non riuscire a controllare la moto.

Come dicevamo, il lungo di Marquez non ha influenza negativa, e difatti in capo a poche tornate il rookie Honda va a riprendere Lorenzo; qualche giro di studio e di abboccamenti, fino a che non avviene il sorpasso, che condurrà Marc alla vittoria, benchè Jorge sia riuscito a mantenere, seppur con fatica, la ruota dell’avversario fino alla bandiera a scacchi.

Alle loro spalle, grande bagarre fra Rossi, Bautista e Bradl, con il pesarese che riesce a conquistare il terzo gradino del podio; statisticamente importante questo piazzamento, perchè Rossi è stato l’unico pilota non spagnolo nelle tre categorie iridate a salire sul podio. Certo, non fosse caduto Pedrosa, certamente avremmo assistito ad un clamoroso filotto iberico.

In classifica generale Marquez è sempre più vicino alla conquista del Titolo, con trentanove punti di vantaggio su Lorenzo (239 punti), mentre Pedrosa è terzo con 219 punti.

photo credit: T.Tanabe via photopin cc