Per una Yamaha che piange, ce n’è una che ride. E, contrariamente a quanto siamo abituati negli ultimi tempi, i ruoli si sono invertiti, con Lorenzo scuro in volto e Valentino Rossi soddisfattissimo nella terza giornata di test a Sepang.

Il Dottore si è, infatti, aggiudicato il primo posto nella giornata odierna, con un best lap sotto ai 2 minuti, esattamente 1’59”999; Rossi si è trovato a proprio agio sia con la moto Factory che con la Open (ovvero quella maggiormente indiziata ad essere utilizzata nel corso del Campionato MotoGP 2014) e si è dichiarato molto contento del feeling raggiunto con la propria moto, pur riconoscendo ancora una sostanziale superiorità della Honda sul passo gara.

Proprio per quanto riguarda Honda, Daniel Pedrosa si è collocato immediatamente dietro al pilota di Tavullia, praticamente con lo stesso tempo.

Vera notizia di giornata è la prestazione della Ducati di Andrea Dovizioso, capace di staccare il terzo tempo assoluto a brevissima distanza dai due di testa; dove ancora la Ducati deve trovare la quadra è il passo gara, dove paga ancora pegno alle corazzate giapponesi; è però certo che, guardando le stagioni passate, i passi avanti ci sono stati e sembrano di notevole entità. Grande, quanto scontata, la soddisfazione del nostro portacolori.

Per tornare alla premessa iniziale, parliamo di Jorge Lorenzo, sempre in estrema difficoltà con l’accoppiata moto – gomme; il pilota spagnolo è di pessimo umore, non riuscendo a trovare nè il feeling nè, di conseguenza, il giusto setup per avvicinarsi ai primi, rimanendo staccato di, addirittura, oltre 6 decimi dal compagno di squadra.

Il Qatar è vicino, forse troppo per Jorge…