Un cambiamento epocale per gli appassionati “da poltrona” della MotoGP: dal 2014 al 2018, infatti, dopo tanti anni, le trasmissioni non saranno più su Mediaset, ma su Sky. Una rivoluzione copernicana, e con qualche sopresa aggiuntiva, a partire dalle voci che ci accompagneranno in questa stagione della classe regina.

Innanzitutto bisogna dire che le gare non saranno unicamente a fruizione totale dei soli abbonati Sky, ma 8 gare (Qatar, Italia, Germania, USA, Repubblica Ceca, San Marino, Spagna Aragon e Spagna Valencia) saranno in diretta parallela, in chiaro, su Cielo. Le altre gare saranno anch’esse visibili in chiaro, ma differite di 3 ore rispetto alla programmazione Sky.

Gli “addetti ai lavori” saranno soprattutto Giacomo Agostini e Loris Capirossi, dei veri mostri sacri in fatto di conoscenza del circus e delle sue dinamiche; al microfono principale sarà, invece, Zoran Filicic; a molti questo nome non dirà nulla, ma si tratta del cronista Sky delle Olimpiadi 2010, e si farà conoscere per l’elevato tasso di spettacolarità ed enfasi delle sue telecronache.

Per l’occasione sono spuntati anche due fiocchi rosa, quello di Irene Saderini, che si occuperà dei collegamenti dal paddock, ambiente solitamente riservato ai colleghi maschi (o alle ombrelline) e quello di Francesca Zambon, inviata per le all news Sky Sport24 HD.

Però diciamocelo, i calembour linguistici e un pò folli di Guido Meda, ci mancheranno. Comunque sia.

photo credit: World Economic Forum via photopin cc