Honda ha lanciato sul mercato la nuova RC213V-S, che trasforma il fenomenale prototipo per la MotoGP in una moto omologata per l’uso su strada.

La Honda RC213V, prototipo costruito esclusivamente per competere nella classe MotoGP, è stato dunque modificato per guidare su strade aperte al traffico. Per questo nuovo modello, Honda comincerà a registrare le richieste di ordine dei clienti a partire dal 13 luglio 2015.

Nel 1954 Honda dichiarò la sua intenzione di partecipare al Tourist Trophy dell’Isola di Man che, allora, faceva parte del calendario del Motomondiale. Honda sviluppò i suoi modelli da competizione e nel 1959, cinque anni dopo la prima dichiarazione ufficiale, cominciò a gareggiare al Tourist Trophy. Nel 1961 vinse nelle due classi a cui si iscrisse con le nuove moto da corsa.

La RC213V-S non è semplicemente il risultato del travaso di tecnologie create dalla Honda attraverso le competizioni in un modello commercialmente disponibile, ma piuttosto rappresenta lo sforzo completamente nuovo per rendere possibile che una moto sviluppata per le competizioni in MotoGP possa circolare su strada.

Le differenze più evidenti sono il peso ridotto e le precise lavorazioni dei componenti, frutto anche di capacità ed esperienza superiori nella manifattura. La RC213V-S è inoltre equipaggiata con le stesse tecnologie di controllo usate sulla RC213V.

Quest’ultima dispone solo delle parti necessarie per essere vincente in gara, e il suo sviluppo è basato sul concetto di cambiare le specifiche solo quando necessario e in accordo con il pilota in base al tracciato.

Honda ha fissato i seguenti prezzi: 188.000 Euro (tasse comprese) in Europa, 21.900.000 Yen in Giappone, 244.000 Dollari Australiani in Australia e 184.000 Dollari negli Stati Uniti.