L’edizione 2014 di Eicma è stato il teatro del vernissage della nuova Kawasaki Vulcan S, punto di riferimento della casa giapponese per il 2015. Di media cilindrata, pensata per i motociclisti dalla mente aperta e lo spirito libero, la moto è già presente negli Stati Uniti ma ora è pronta per conquistare il mercato europeo. La Vulcan S non è un cruiser nel suo significato più comune ma un approccio innovativo e alla moda con un look low-ride ed una personalità urbana.

IL MOTORE

Il cuore della Vulcan S è il collaudatissimo bicilindrico parallelo da 649cm3 che già equipaggia la Versys 650 e l’ER-6n/f rivisto e perfezionato per impersonare al meglio il suo nuovo ruolo. Questo motore mostra i muscoli da subito con una coppia grintosa ai medio bassi e continua a spingere per sfruttare tutto il suo potenziale fino ai regimi più elevati. Ottimi anche i freni della Vulcan S che assicurano una frenata sicura e progressiva grazie al disco anteriore da 300mm con pinza a doppio pistoncino e disco posteriore da 250mm con pinza a singolo pistoncino.

SISTEMA FRENANTE
L’ABS è pensato per garantire affidabilità in tutte le condizioni di frenata; un altro vantaggio per i motociclisti alle prime armi. Il mono posteriore asimmetrico completa lo styling della moto mentre l’adozione di un sistema di leveraggi permette una corsa più lunga per un maggiore comfort di guida. La configurazione dell’ammortizzatore posteriore contribuisce al design compatto della moto, liberando spazio per un caratteristico scarico sotto il motore. Per venire incontro alle esigenze di ogni pilota, la sospensione posteriore può essere regolata nel precarico in 7 posizioni differenti.

LA GUIDA

Facilità di guida e maneggevolezza sono garantite dalla forcella anteriore telescopica. La sella bassa rende la moto adatta a tutte le stature, giovani e meno giovani, uomini o donne e rende i classici “stop and go” cittadini facili e divertenti. Il telaio snello aiuta a toccare a terra con i piedi mentre la sella imbottita e comoda offre un ottimo supporto per la schiena. Il passo lungo, il baricentro basso e la centralizzazione delle masse offrono un’elevata stabilità ed una facile manovrabilità. Una novità molto interessante è la possibilità di regolare manubrio e pedane in 3 posizioni differenti in modo da consentire al pilota di trovare la migliore posizione di guida.