Il Salone Internazionale del Motociclo, l’EICMA, si sta avvicinando, ed iniziano sempre più numerose le notizie, o meglio, le indiscrezioni, relative alle premiere che si vedranno alla kermesse milanese.

BMW, forte dei successi commerciali di questo difficile 2013, porterà succose novità per i propri appassionati; innanzitutto sarà ristilizzata la regina di mercato della Casa bavarese, ovvero la R1200GS, alla quale verranno affiancati degli upgrade per la serie R, sia la 1200R che la 1200RT.

Per quanto riguarda la GS, assisteremo ad interventi principalmente di natura estetica e funzionale, soprattutto per quanto concerne l’allestimento Adventure; a livello estetico, oltre ad un nuovo design, si attendono finiture migliorate rispetto alle già ottime sfoggiate finora, mentre in termini di fruibilità saranno adottate borse di maggiori dimensioni, così come il serbatoio del carburante, capace di aumentare l’autonomia di viaggio a parità di propulsore.

A differenza della GS, la R1200RT basa le proprie migliorie soprattutto nel compartimento meccanico; proprio dalla GS viene mutuato il motore che, forte del suo raffreddamento a liquido anzichè ad aria, eroga 125CV (ma non è escluso che possa anche esprimere qualche cavallo di differenza in più o in meno, molto dipenderà dalla conformazione dell’impianto di scarico e di raffreddamento). Anche lo styling avrà nuovi tratti, e si vocifera, nel frontale, dell’adozione di gruppi ottici che riprendono la produzione automobilistica della Casa dell’Elica.  Lavoro di perfezionamento anche per il compartimento sospensioni, che saranno quasi certamente con controllo automatico del livellamento, che rimarrà costante al variare delle condizioni di carico della moto.

Per la R1200R invece si registreranno quasi unicamente interventi di natura estetica, per adeguarsi maggiormente ai gusti del mercato, dal momento che la meccanica e la ciclistica resteranno invariate rispetto al modello attualmente in commercio.

Prezzi e data di commercializzazione, ovviamente, non ancora comunicati.

photo credit: Lars Tinner via photopin cc