E’ ufficiale, la terza tappa (foto by InfoPhoto) consacra Joan Barreda Bort come la vera rivelazione della Dakar 2014, ed insieme ad esso la Honda; l’accoppiata iberico-nipponica pare aver rotto l’egemonia Despres/Coma-KTM nella traversata motociclistica sudamericana, conquistando la tratta da San Rafael a San Juan, con speciale cronometrata di 373 km.

Vero è che Cyril Despres si è rivisto nella parte alta della classifica, posizionandosi secondo, ma è altrettanto vero che il distacco accumulato dal francese, in questa tappa, è di oltre 4 minuti; Coma, terzo, paga addirittura qualcosa meno di 7 minuti; grande gap, ma costanza di rendimento per Alain Duclos, ancora una volta quarto, seguito nell’ordine da David Casteau, Chaleco Lopez, Gerard Farres e da tre new entries, ovvero dallo slovacco Svitko, dal polacco Przygonski e dal francese Pain, a completare la top ten di giornata. Da segnalare che fra primo e decimo classificato ci sono ben 20 minuti di differenza.

Da segnalare il ritiro di Sam Sutherland, vincitore della seconda tappa della Dakar 2014, causa rottura del motore; purtroppo non pervenuti i nostri portabandiera, molto attardati all’arrivo.

Quarta tappa da San Juan a Chilecito, per un totale di 352 km, vedremo se Honda sarà in grado di imporsi nuovamente, ipotecando ancor di più il successo finale, nonostante la strada sia ancora molto lunga.