Sa tanto di pugno del K.O., quello sferrato da Marc Coma andando a vincere la nona tappa della Dakar 2014; speciale cronometrata lunghissima, di 422 km, ormai tutta in territorio cileno tra Calama ed Iquique, che lo spagnolo conclude in 4h 49′ e 05″.

Alle spalle di Coma sempre lui, Joan Barreda Bort, vicinissimo, a meno di due minuti; non si può non pensare che, senza il paio di passi falsi commessi, i due iberici sarebbero lì a contendersi il titolo per una manciata di minuti, ed invece sono separati da 55′ di distacco, una punizione esagerata per Barreda, che ha finora fatto una gara incredibile.

Le notizie di oggi però sono altre, in primis la debacle di Alain Duclos, o meglio della sua Sherco rimasta in panne, il quale sparisce dalla top ten della generale; anche per lui un finale davvero immeritato, che nulla toglie però alle sue eccellenti performances. Notizia numero due, il terzo posto di Cyril Despres, svegliatosi tardissimo ma ancora in grado di poter ottenere un buon piazzamento finale, volendo sognare il podio è a soli 36′…

Per chiudere, un’altra notizia degna di attenzione, ovvero la presenza nella top ten del giorno di una donna, Laia Sanz, in sella ad una Honda.

photo credit: Frank Kehren via photopin cc