“Chi l’ha dura la vince”, sembrerebbe il motto di Pol Esparagaro, fresco Campione del Mondo nel campionato Moto2. Eh sì, perchè nonostante il talento e una guida sempre attentamente calcolata, finora il successo era venuto a mancare, a sette anni dalla prima apparizione nel circus.

Pol inizia infatti la sua avventura nel motociclismo professionistico mondiale nel 2006, in classe 125, alla giovanissima età di 15 anni (è nato infatti nel 1991 in Catalogna) dopo essersi reso visibile nel campionato nazionale, vinto proprio nel 2006. L’inizio è molto incoraggiante, pur essendo poco più di un bambino partecipa a sette gare ottenendo 19 punti, grazie anche ad un bel sesto posto proprio in terra spagnola.

La stagione successiva Espargaro dimostra una grande crescita, grazie anche al fatto di aver partecipato a tutto il campionato, centra un terzo posto in gara, e a fine stagione ha accumulato ben 119 punti, conquistando il nono posto assoluto in classifica mondiale.

Nel 2008, rimanendo sempre in sella ad una Derbi, migliora leggermente, portando a casa 124 punti, sempre il nono posto assoluto, ma agguantando un paio di secondi posti e le prime pole position della carriera, e solo un infortunio gli impedisce di ottenere una prestazione ancor più soddisfacente.

Il 2009 segna l’arrivo delle prime vittorie, e con esse un grande salto di qualità nel posizionamento in classifica generale, che lo vede chiudere al quarto posto assoluto con 174,5 punti; è però il 2010 a vedere Pol Espargaro finalmente sul, pur pletorico, terzo gradino del podio nella graduatoria iridata, vincendo tre gare ed ottenendo numerosi piazzamenti. I punti sono addirittura 281.

L’ottimo posizionamento al termine della stagione 2010 permette a Pol di fare il salto di categoria,  e nel 2011 esordisce in Moto2, la vecchia 250; lasciata la sella della storica Derbi, il pilota spagnolo passa ad una FTR, ed un pò l’inesperienza, un pò il mezzo non esattamente performante, la classifica finale dice tredicesimo posto con un bottino di appena 75 punti, qualcosa come quattro volte meno di quelli conquistati nel 2010.

Fortunatamente per Espargaro, il Team Pons, suo nuovo team nel 2012, gli mette a disposizione una ben più efficace Kalex, ed è la svolta; numerose pole position, 4 vittorie e piazzamenti a ripetizione lo riportano in una posizione consona al suo rango, ovvero un secondo posto al termine della stagione con 268 punti!

Ormai i tempi sono maturi per il talentuoso catalano, e difatti nell’attuale stagione, con un ruolino impeccabile ed estremante costante, fatto di sei vittorie (record personale), e diversi piazzamenti, chiude il Campionato Moto2 a 265 punti con in testa la corona di Campione del Mondo.

photo credit: curium via photopin cc