E alla fine ci è riuscito, nonostante tutto…Nonostante l’inesperienza, nonostante fosse la prima stagione in MotoGP, nonostante le polemiche, nonostante i rischi di squalifiche e penalità, nonostante la giovanissima età. Già, talmente giovane che ieri, a Valencia, si è laureato Campione del Mondo, stabilendo il nuovo record come Campione del Mondo più giovane nella storia della “classe regina”. Lui, Marc Marquez.

Andiamo quindi a ripercorrere, a mo’ di tributo, la vita e la carriera di questo incredibile talento.

Marc Marquez nasce in Spagna, anzi per essere precisi in Catalogna, che da quelle parti ci tengono a distinguere la cosa, nella cittadina di Cervera, il 17 febbraio del 1993 ed inizia a correre in modo precocissimo, ad un età, sei anni, in cui di solito i bambini giocano con la bicicletta e nemmeno tutti senza rotelle…

Dopo aver gravitato per alcuni anni nei campionati della propria regione di nascita, Marc approda nel 2008 nel motomondiale, classe 125, ma si tratta di un anno in cui le sue vere qualità sono messe in ombra da problemi fisici che non gli permettono di effettuare tutta la stagione in sella e che lo costringeranno al tredicesimo posto in classifica generale (che comunque sia per un esordiente assoluto è un ottimo risultato).

Nel 2009, grazie alla maggiore continuità arriva ad un onorevole ottavo posto in classifica generale, ma il sedicenne Marquez comincia ad evidenziare in parte il suo feeling con il primo ottenendo due pole position e un buon terzo posto in gara al GP di Portogallo.

Il 2010 segna l’inizio della sua ascesa al successo; arrivano infatti le prime vittorie, addirittura dieci, che gli consentono di ottenere il primo titolo mondiale della sua carriera; la vittoria iridata garantisce a Marc una sella in Moto2 per l’anno 2011, all’età di 18 anni.

L’esordio in una classe superiore non impensierisce il baby catalano, che pur scontando errori di inesperienza ad inizio stagione, compie una rimonta strepitosa e chiude al secondo posto in classifica generale; chi avesse puntato su un Marquez “cavallo vincente” per la stagione 2012 non avrebbe commesso un errore, dal momento che la vittoria finale arriva puntualissima dopo aver conseguito nove vittorie. 19 anni e già due titoli mondiali in suo possesso, impressionante…

Il 2013 segna l’arrivo in MotoGP, categoria di difficoltà enorme e dagli avversari esperti ed agguerriti; le aspettative sono infatti quelle che si possono avere per un esordiente, non di più, anzi Honda viene tacciata ad inizio stagione di voler scommettere incoscientemente su un rookie, invece di puntare su un pilota con qualche anno di servizio in più.

Alla faccia dei detrattori, e con molta lungimiranza (mista ad un pizzico di fortuna) da parte di Honda, Marquez si laurea Campione del Mondo all’esordio, con un ruolino di marcia terrificante! Tolto il ritiro al GP d’Italia e la squalifica in Australia, va sempre a podio, e diciamocelo, non fosse per un Jorge Lorenzo versione extraterrestre, il bottino sarebbe ancor più ricco di vittorie. Tutto ciò in barba alle polemiche innescatesi per i suoi comportamenti in pista ritenuti troppo aggressivi dagli avversari.

Sarà interessante vedere cosa dovremo aspettarci nel 2014 da questo ragazzo, che sicuramente andrà fortissimo, ma con un anno in più di esperienza sulle spalle

photo credit: JaredEarle via photopin cc