Grazie ad alcuni sponsor privati che hanno fornito le risorse economiche, il reparto Nibbio, i motociclisti della Polizia milanese, si è dotato di otto nuove BMW F700Gs.

Un intervento quanto mai necessario perché il reparto motociclisti della Questura di Milano, fondato nel 1985, era rimasto a corto di mezzi, falcidiati dall’usura meccanica (risalgono al 2001) e dai tagli alle spese del Governo, la famosa “spending review”. I 23 agenti non avranno a disposizione le nuove moto (presto se ne aggiungerano altre due), ma, grazie a Dainese, potranno indossare l’abbigliamento tecnico con le dovute protezioni del marchio veneto: due divise, estiva e invernale, entrambe munite del nuovo sistema D-Air Street, airbag già impiegato dalla Polizia in due Giri D’Italia, nel Giro di Lombardia e attualmente utilizzato da alcuni agenti della scorta del presidente della Repubblica.

È un sistema integrato alla moto che, in caso di urto, in soli 45 millisecondi è completamente operativo, a proteggere schiena e collo del motociclista (il funzionamento è simile all’airbag sul volante dell’auto: uno scoppio gonfia le camere d’aria poste all’interno della giacca). “Volevamo proteggere chi ci protegge”, ha riassunto Vittorio Cafaggi, rappresentante dell’azienda alla presentazione delle nuove moto.

“Milano si appresta a ospitare tra poco il Meeting dei capi di Stato e di governo asiatici ed europei (ASEM) e il prossimo anno avrà un evento come l’Expo 2015 che ospiterà i rappresentanti di 144 Paesi”, ha detto Luigi Savina, questore di Milano, “è importante che gli agenti motociclisti torni in strada con mezzi nuovi e in completa sicurezza”.