Chiudiamo il cerchio per quanto riguarda le cronache della MotoGP svoltasi ad Indianapolis lo scorso weekend con la sintesi delle interviste dei primi quattro classificati in gara, in rigoroso ordine di arrivo.

MARC MARQUEZ
Sono molto contento per questa vittoria. E’ stata una gara dove sapevo che la seconda parte sarebbe stata la più importante, perché il pneumatico calava tanto. All’inizio ho provato a guidare con sensibilità, ad andare dietro Pedrosa e Lorenzo, poi quando ho visto che mi trovato bene sulla moto ho provato a guadagnare qualcosa, a mettere del gap tra me e loro”.

DANI PEDROSA
E’ stata molto dura la gara fisicamente, perché avevo tanto male in due-tre punti. Poi la moto scivolava e quando è così bisogna essere molto agili sulla moto per riuscire a tenerla sempre su. La gomma davanti scivolava, quella dietro scivolava e non riuscivo a trovare un modo per andare più veloce con queste gomme. Purtroppo sono finito un po’ indietro, però poi sono riuscito a spingermi nuovamente avanti”.

JORGE LORENZO
“Prima della gara ero preoccupato per il lato sinistro del pneumatico posteriore, invece alla fine il lato che si è distrutto è stato il destro. Le gomme hanno iniziato a calare nella seconda parte di gara, poi hanno perso tantissimo, sono riuscito ad evitare due cadute e quindi ho dovuto chiudere il gas e andare più piano. La Honda e Marquez sono andati velocissimi e non abbiamo potuto fare niente”.

VALENTINO ROSSI
“Ho avuto un problema con le gomme nuove, avevo troppa aderenza e questo faceva sì che la moto spingesse molto sull’anteriore e avevo dei grossi problemi in entrata di curva. Se avessi provato a forzare avrei rischiato di cadere. Dopo le cose sono incominciate a cambiare, la gomma dietro ha iniziato a scivolare ed è stato come se la moto si mettesse a posto da sola. Sono riuscito a ricucire il distacco dai piloti che mi precedevano e mi sono divertito a lottare con gli altri. Conquistare un quarto posto nel tracciato peggiore per me non penso sia così male, ma dobbiamo lavorare ancora molto”

photo credit: T.Tanabe via photopin cc